Acquisizione internazionale e società quotata, un cocktail complesso

Quali sono gli elementi fondamentali per la riuscita di un’acquisizione di trasformazione per una società quotata? E quali le principali complessità? Per rispondere a questa domanda, Céline Méchain, socio di Goldman Sachs Parigi, Yves Ayache, AD di Morgan Stanley e Mathieu Gross, AD e Responsabile globale di TMT Investment Banking in Crédit Agricole CIB, parlano dell’acquisizione di Aricent da parte di Altran.

Aricent – Altran, una mega-operazione da due miliardi di euro

“L’acquisizione di Aricent da parte di Altran è qualcosa di unico – ha spiegato Céline Méchain, che ha aggiunto – e testimonia l’emergere di un leader mondiale nel settore dell’esternalizzazione della ricerca e dello sviluppo, che fino ad oggi aveva conosciuto solo poche grandi operazioni di consolidamento”. Ad agosto del 2017, Altran ha avviato le operazioni per l’acquisizione dell’azienda americana, allora di proprietà di KKR. Si è trattato di un processo durato nove mesi, articolato in tre fasi principali. Inizialmente, la negoziazione del contratto di acquisizione e l’ottenimento dell’esclusiva, operazioni di cui si sono fatte carico Crédit Agricole CIB, Goldman Sachs e Morgan Stanley, le tre banche d’affari incaricate da Altran. L’intenzione di KKR era gestire l’operazione al 100% in contanti. Altran ha dovuto comunicare le informazioni sul finanziamento contemporaneamente all’acquisizione, e mettere immediatamente in atto tutte le attività necessarie per presentare l’operazione agli investitori. La seconda fase, per quanto riguarda la parte francese, è consistita nella sindacazione di un mutuo senior a termine (Senior Secured Term Loan B) di 2.125 milioni di euro, a febbraio del 2018. “In occasione della ripresa delle attività dei mercati del debito ad inizio anno, Altran ha potuto usufruire di condizioni ottimali”, ha dichiarato Mathieu Gross. La terza fase ha avuto luogo a marzo del 2018, con l’aumento di capitale di 750 milioni di euro, perfezionato il 13 aprile, che ha fatto registrare un eccesso di sottoscrizioni pari al 157%.

L’acquisizione di Aricent da parte di Altran segna un vero e proprio punto di svolta nella storia dell’azienda. Grazie a questa operazione di trasformazione internazionale, Altran è adesso in grado di confermare la sua posizione di leader mondiale nel settore della consulenza per l’innovazione e l’ingegneria avanzata. “L’unione delle aziende presenta un elevato grado di complementarietà a livello di zone geografiche, attività e personale, e risponde non soltanto all’andamento del settore industriale, ma anche alle attese dei clienti” ha precisato Mathieu Gross, al quale ha fatto eco Yves Ayache: “L’operazione è stata effettuata con un livello di valorizzazione globalmente coerente con quello di Altran ed ha comportato tutto un insieme di sinergie importante e realistico”.

Un’operazione appositamente studiata per conquistare i mercati

Se l’acquisizione di Aricent da parte di Altran è pienamente giustificabile, non si è rivelata per nulla facile per l’azienda leader francese. “Le dimensioni dell’azienda da acquisire erano decisamente importanti rispetto ad Altran, e questo aspetto ha fatto dell’operazione qualcosa di esclusivo” ha dichiarato Céline Méchain e, a sua volta, Yves Ayache ha precisato: “L’operazione è stata contraddistinta dai tempi brevi, e ha dovuto tener conto tra l’altro conto degli aspetti concorrenziali”. Fra le sfide classiche di questo tipo di operazioni, la necessità di definire con esattezza i rischi, individuare le reali esigenze di finanziamento dell’operazione per evitare di sovrapporre un rischio operativo ad uno finanziario, evitare la fuga dei talenti o una reazione negativa da parte dei clienti e garantire la corretta gestione della riservatezza e la fluidità della comunicazione. “Quest’ultimo punto costituisce un aspetto critico perché ci si deve rivolgere ai mercati” ha sottolineato Yves Ayache, mentre Mathieu Gross ha precisato: “La riuscita dell’operazione si basa in gran parte sulla reazione dei mercati. Se quest’ultima è negativa, si rischia di creare incertezza sull’operazione e addirittura metterla in forse”. Altran si è pertanto dedicata da tutto principio in un importante lavoro di informazione e di comunicazione con gli investitori, che ha dato i suoi frutti.

Quali sono stati i punti di forza su cui Altran si è basata per superare le sfide? Prima di tutto, l’estrema preparazione del personale di Dominique Cerutti. “Altran aveva previsto con largo anticipo come integrare Aricent senza provocare turbative, un aspetto importante per ottenere la fiducia degli investitori” hanno dichiarato Yves Ayache, Mathieu Gross e Céline Méchain. “Il rapporto di fiducia tra Dominique Cerutti e Frank Kern, CEO di Aricent, ha svolto un ruolo importante ai fini del successo dell’operazione” ha precisato Mathieu Gross. Tra gli altri aspetti fondamentali dell’acquisizione di Aricent da parte di Altran figurano il livello di valorizzazione “globalmente coerente”, il realismo del business plan e la sua precisa attuazione, un indebitamento ragionevole e una corretta valutazione delle sinergie, che hanno consentito all’azienda leader francese di sostenere il progetto presso gli investitori e le agenzie di rating.

Spirito di conquista e coordinamento perfetto: una combinazione vincente

“Oggi siamo fieri di avere contribuito all’emergere di un leader mondiale” hanno dichiarato all’unisono le tre banche d’affari. Ripensando a questa avventura, Céline Méchain, Mathieu Gross e Yves Ayache parlano di un’intesa operativa ottimale: “In questo modo ci siamo potuti impegnare con uno spirito di conquista, che ci ha consentito di concludere l’operazione coordinandoci alla perfezione” ha precisato Mathieu Gross. Le positive condizioni del mercato, con il successo del collocamento del debito e l’adesione all’aumento di capitale da parte di circa il 98% degli azionisti, confermano la strategia vincente adottata da tutti gli attori dell’operazione di fusione franco-americana in questo settore particolarmente importante.

Per le tre banche, si è messa in luce anche Apax Partners per tutta la durata della transazione. “Siamo rimasti impressionati dalla fiducia reciproca di Apax Partners e Altran, e dalla fluidità dei dialoghi – ha dichiarato Yves Ayache, che ha aggiunto – Apax Partners ha partecipato attivamente alla messa a punto delle soluzioni tecniche dell’operazione, e il personale si è impegnato di pari passo con noi per garantirne l’ottimizzazione di tutti gli aspetti: strutturazione, finanziamento, comunicazione finanziaria etc..” Céline Méchain ha concluso affermando che: “Quando il gruppo dirigente di Altran ha comunicato al C.d.A. l’intenzione di acquisire Aricent, Apax Partners ha deciso di sostenere l’azienda in questa fase fondamentale della sua storia. L’adesione da parte dei fondi di investimento e dei fondatori all’operazione di aumento di capitale ha influito molto positivamente sui mercati, contribuendo ampiamente al successo di questa straordinaria operazione”.

Gilles Rigal Direttore Associato Info contatto

Iscriviti

Apax Talks

NEWSLETTER

Apax Talks è un magazine digitale destinato ai manager d’impresa. Presenta delle strategie per sviluppare la crescita delle PMI e Mid-cap, con particolare attenzione ai settori TMT, Consumer, Sanità e Servizi.